Festival Musica Sacra Pavia: Tutti i concerti sono ad ingresso gratuito. Per i concerti del 25 e 26 maggio è obbligatorio il ritiro del biglietto (non più di due a persona) presso il Teatro Fraschini a partire dal giorno 18 maggio, tutti i giorni del festival, dalle 11.00 alle 13.00 fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Martedì 21 maggio - ore 20.30

Teatro Fraschini

 

Ensemble vocale e strumentale Il Canto di Orfeo

Nahuel di Pierro, Adamo, Julie Fuchs, Eva
Christophe Dumeaux, Caino, Nuria Rial, Angelo, Lea Desandre, Abel

 

Antonio Caldara

La Morte d'Abel

Antonio Caldara, che dal 1716 fu 'Vizekapellmeister' (assistente alla direzione musicale) alla corte asburgica, fu tra i compositori più attivi del suo Secolo: la sua produzione comprende circa 80 opere liriche, più di 40 oratori e numerose opere sacre. La stessa reputazione di Vienna come una delle città musicali più importanti d'Europa è stata consolidata in misura significativa da Caldara.

La morte d'Abel, basata su un testo del celebre Pietro Metastasio e scritta per il castrato Farinelli, fu ascoltata per la prima volta nell'aprile del 1732 nella cappella di corte di Vienna. Il libretto segue il racconto biblico: il pastore Abele viene ucciso dal fratello, il contadino Caino, perché quest'ultimo si sente meno favorito agli occhi di Dio. Caino deve poi vivere con il pesante fardello della sua colpa, servendo da monito alle generazioni future. Il Festival di Pavia offre, nello splendido Teatro Fraschini progettato da Antonio Bibiena, la possibilità di ascoltare questo capolavoro nella versione diretta da Gianluca Capuano, oggi tra i più prestigiosi interpreti del Settecento italiano, alla testa dell’ensemble Il canto di Orfeo da lui fondato, e coprodotta con il Festival di Pentecoste 2019 di Salisburgo.